Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/clients/client12/web16/web/components/com_abook/models/book.php on line 58

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/clients/client12/web16/web/components/com_abook/models/book.php on line 58
Categoria: MAO
Editore: EDIZIONI ORIENTE
Anno: 1966
Note: VOL.1 PP.336 VOL.2 PP. 387

Visite: 598


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/clients/client12/web16/web/components/com_abook/helpers/icon.php on line 137
  / 0
ScarsoOttimo 

Recensione

Scritto da Super User

Mao Tse - tung

Milano
Edizioni Oriente
1966
336 p. + 387 p. in 2 volumi 20 cm



INDICE

VOLUME I

VOLUME II

__________________________________________________________________

VOLUME I

PERCHÆ? PUî ESISTERE IN CINA IL POTERE POLITICO ROSSO?
(5 - 10 - 1928)
I. La situazione politica del paese
II. Perché il potere rosso si è stabilito e può vivere in Cina?
III. La base rivoluzionaria nella regione di frontiera Hunan - Kiangsi e la sconfitta di agosto
IV. L\'importanza della base rivoluzionaria della zona di frontiera Hunan - Kiangsi per le province dello Hunan Hupei e Kiangsi
V. I problemi economici
VI. Il problema delle basi militari

LA LOTTA NEI MONTI CHING KANG
(25 - 11 - 1928)
La creazione di una base rivoluzionaria nella regione di frontiera dello Hunan e del Kiangsi e la sconfitta di agosto
La situazione attuale della base rivoluzionaria
Il problema militare
Il problema agrario
Il problema del potere politico
Il problema dell\'organizzazione del Partito
Il carattere della rivoluzione
Il problema della localizzazione della base rivoluzionaria

COME CORREGGERE LE IDEE SBAGLIATE NEL PARTITO
(dicembre 1929)
Il punto di vista esclusivamente militare
L\'ultrademocratismo
Le concezioni contrarie ai principi organizzativi del Partito
L\'egualitarismo assoluto
Il soggettivismo
L\'individualismo
La mentalità da \"fuorilegge\"
Le sopravvivenze del Putschismo

BASTA UNA SCINTILLA PER DARE FUOCO A UN\'INTERA PRATERIA
(5 gennaio 1930)

PROBLEMI STRATEGICI DELLA GUERRA RIVOLUZIONARIA IN CINA
(dicembre 1936)
I. Come studiare la guerra
Le leggi della guerra sono in evoluzione
Scopo della guerra è eliminare la guerra
La strategia e lo studio delle leggi di una situazione di guerra considerata nella sua globalità
Ciò che conta è saper imparare
II. Il partito comunista cinese e la guerra rivoluzionaria in Cina
III. Caratteristiche della guerra rivoluzionaria in Cina
Importanza del problema
Quali sono le caratteristiche particolari della guerra rivoluzionaria in Cina?
La nostra strategia e la nostra tattica si basano su queste particolarità
IV. Le campagne di \"accerchiamento e annientamento\" e le contro - campagne forme fondamentali della guerra civile in Cina
V. La difensiva strategica
1. La difesa attiva e la difesa passiva
2. Preparativi per combattere le campagne di accerchiamento e annientamento
3. La ritirata strategica
4. La contro - offensiva strategica
5. Gli inizi della contro - offensiva
6. La concentrazione delle truppe
7. La guerra di movimento
8. La guerra di operazioni rapide e risolutive
9. La guerra di annientamento

PROBLEMI STRATEGICI DELLA GUERRA PARTIGIANA CONTRO IL GIAPPONE
(maggio 1938)
I. perché si pongono i problemi strategici della guerra partigiana
II. Il principio fondamentale della guerra: conservare le proprie forze e annientare quelle del nemico
III. Sei problemi strategici specifici della guerra partigiana contro il Giappone
IV. Iniziativa, flessibilità e pianificazione nelle operazioni offensive in una guerra difensiva
V. Coordinamento con la guerra \"Regolare\"
VI. Creazione di basi d\'appoggio
1. Tipi di basi d\'appoggio
2. Regioni partigiane e basi d\'appoggio
3. Condizione per la creazione delle basi d\'appoggio
4. Consolidamento e ampliamento delle basi d\'appoggio
5. Tipi di accerchiamento operati da noi e dal nemico
VII. Difesa e attacco strategici sulla guerra partigiana
1. La difesa strategica nella guerra partigiana
2. L\'attacco strategico nella guerra partigiana
VIII. Passaggio dalla guerra partigiana alla guerra di movimento
IX. Rapporti nel Comando

________________________________________________________________

VOLUME II

SULLA GUERRA DI LUNGA DURATA
(maggio 1938)
I. Impostazione del problema
II. Le basi del problema
III. Confutazione della teoria dell\'asservimento nazionale
IV. Compromesso o resistenza? Corruzione o progresso?
V. La teoria dell\'inevitabile asservimento nazionale è sbagliata, ma la teoria di una rapida vittoria è del pari sbagliata
VI. Perché una guerra di lunga durata?
VII. Le tre fasi della guerra di lunga durata
VIII. Un tipo di guerra ad \"incastro\"
IX. Combattere per una pace duratura
X. Il ruolo di attività consapevole in guerra
XI. Guerra e politica
XII. Mobilitazione politica per la guerra di resistenza
XIII. L\'obiettivo della guerra
XIV. Operazioni offensive in una guerra difensiva, battaglie decise rapidamente in una guerra di lunga durata, operazioni per linee esterne nella guerra per linee interne
XV. Iniziativa, flessibilità e pianificazione
XVI. Guerra di movimento, guerriglia e guerra di posizione
XVII. Guerra di logoramento e guerra di annientamento
XVIII. Le possibilità di sfruttare gli errori del nemico
XIX. La questione degli scontri decisivi nella guerra antigiapponese
XX. L\'esercito e il popolo sono la base della vittoria
XXI. Conclusioni

PROBLEMI DI GUERRA E DI STRATEGIA (6 novembre 1938)
I. Le caratteristiche della Cina e la guerra rivoluzionaria
II. Storia militare del Kuomintang
III. Storia militare del Partito Comunista Cinese
IV. Cambiamenti nella strategia militare del Partito durante la guerra civile e la guerra nazionale
V. Il ruolo strategico della guerriglia contro il Giappone
VI. Studiare attentamente le questioni militari

CONCLUSIONI SULLA VITTORIA RIPORTATA CONTRO LA SECONDA CAMPAGNA ANTICOMUNISTA (8 maggio 1941)

LA SVOLTA NELLA II GUERRA MONDIALE (12 ottobre 1942)

SUL GOVERNO DI COALIZIONE (estratti) (24 aprile 1945)
I. La guerra del popolo
II. L\'esercito del popolo

SULLA PRODUZIONE DA PARTE DELL\'ARMATA DEI BENI NECESSARI AI SUOI BISOGNI E SULL\'IMPORTANZA DEI DUE GRANDI MOVIMENTI PER LA RETTIFICA DELLO STILE DI LAVORO E PER LO SVILUPPO DELLA PRODUZIONE (27 aprile 1945)

CONCENTRARE UNA FORZA SUPERIORE PER ANNIENTARE LE FORZE NEMICHE UNA ALLA VOLTA (16 settembre 1946)

BILANCIO DI TRE MESI (1 ottobre 1946)

DIRETTIVE PER LE OPERAZIONI SUL TEATRO DI GUERRA NORD - OCCIDENTALE (15 aprile 1947)

STRATEGIA PER IL SECONDO ANNO DELLA GUERRA DI LIBERAZIONE
(1 settembre 1947)

MANIFESTO DELL\'ESERCITO POPOLARE CINESE DI LIBERAZIONE
(ottobre 1947)

NUOVA PROCLAMAZIONE DELLE TRE GRANDI REGOLE DI DISCIPLINA E DELLE OTTO RACCOMANDAZIONI - ISTRUZIONI DEL QUARTIER GENERALE DELL\'ESERCITO POPOLARE CINESE DI LIBERAZIONE (10 ottobre 1947)

LA SITUAZIONE ATTUALE ED I NOSTRI COMPITI (passi scelti)
(25 dicembre 1947)

IL MOVIMENTO DEMOCRATICO NELL\'ESERCITO (30 gennaio 1948)

LA GRANDE VITTORIA DEL NORD - OVEST E IL MOVIMENTO DI EDUCAZIONE IDEOLOGICA DI TIPO NUOVO NELL\'ESERCITO DI LIBERAZIONE (7 marzo 1948)

DIRETTIVE PER LE OPERAZIONI NELLA CAMPAGNA DI LIAOHSI - SHENYANG (settembre e ottobre 1948)
I. Il telegramma del 7 settembre
II. Il telegramma del 10 ottobre

DIRETTIVE PER LE OPERAZIONI DELLA CAMPAGNA DI HUAI - HAI
(11 ottobre 1948)

L\'IMPORTANTE MUTAMENTO DELLA SITUAZIONE MILITARE IN CINA
(14 novembre 1948)

DIRETTIVE PER LE OPERAZIONI NELLA CMPAGNA DI PEIPING - TIENTSIN (11 dicembre 1948)

PORTARE LA RIVOLUZIONE FINO IN FONDO (30 dicembre 1948)

TRASFORMARE L\'ESERCITO IN UNA BRIGATA DI LAVORO
(8 febbraio 1949)

ORDINE ALL\'ESERCITO DI AVANZARE IN TUTTO IL PAESE
(21 aprile 1949)

PROCLAMA DELL\'ESERCITO POPOLARE CINESE DI LIBERAZIONE
(25 aprile 1949)