Categoria: RACCONTO DI VIAGGIO
Editore: RIZZOLI
Anno: 1981
Note: PP.238

Visite: 484

  / 0
ScarsoOttimo 

Recensione

Scritto da Super User

Ostellino Piero

Milano
Rizzoli
1981
238 p. 22 cm



INDICE

Introduzione

CAPITOLO PRIMO

EFFETTO CINA

Un treno fra due comunismi, 7. Pechino in bicicletta, 18. Piedigrotta made in China, 23. Come a Mosca, ovvero l\'Updk con gli occhi a mandorla, 25.11 giorno in cui non scoppiò la terza guerra mondiale, 29. Gli stranieri sono tutti delle spie?, 31. Metti una sera dopocena, 37. Gli aquiloni sulla Città proibita, 43. La scrittura come arte, 45.

CAPITOLO SECONDO

MAO E DOPO - MAO

Trentadue e li dimostra, 51. Quando a casa Confucio an-darono le \"guardie rosse\", 57. Nuovi e vecchi mandarini, 60. \"Mi chiamo Chou, sono una
vittima dei \'quattro\'\",63. La morale della favola, 67. Un muro chiamato
democrazia: fine del muro, fine della democrazia?, 71.

CAPITOLO TERZO

LA CINA CHE CAMBIA

Per il socialismo si muore, ma non si lavora, 81.I maoisti di complemento, 87. Contadini di tutta la Cina disunitevi!, 92. Milionari di tutta la Cina
unitevi!, 96. Il ritorno del capitale, 98. In via del denaro c\'è una capitalista appena na-ta, 101. Ce la faranno a restare comunisti?, 105. Fantacina, 111.

CAPITOLO QUARTO

VITA DA CINESE

I calzini del soldato, 117. Ping-pong in redazione, 123. Zitti, è scoppiata la guerra, 129. Mamma non vuole, Confucio nemmeno..., 133. Il divorzio c\'è, ma non si vede, 136. Pechino dietro il muro, Shanghai sui marciapiedi, 140. Bilanci familiari, 145. Il bonzo dalla faccia di luna, 149. La Mirafiori dei poveri, 152. Miracolo a Shanghai, 156.

CAPITOLO QUINTO

DEI DELITTI E DELLE PENE

Diritto, questo sconosciuto, 163. Una condanna a morte, minuto per minuto, 165. In carcere: sei in un letto, 170.Il lavoro (forzato) nobilita, 177. Una rapina, due pistole fatte in casa, 181.

CAPITOLO SESTO

VIVERE IN TIBET

Per le strade di Lhasa, 187. Om mani padme hum, 191. Colonialismo o modernizzazione?, 198.

CAPITOLO SETTIMO

NOI, LORO E GLI ALTRI

Cani russi e gatti cinesi, 207. E se, invece, si mettessero d\'accordo?, 212. A.A.A. mercato cinese cercasi, 214. Primo comandamento: visitare le latrine, 222. Il futuro è qui, 225. Berlinguer e il mandarino, 228.


ABSTRACT

La realtà del cittadino cinese vissuta giorno per giorno

La Cina è stata per anni, agli occhi degli occidentali, avvolta nel mito, positivo o negativo che fosse. Solo ora essa acquista anche un volto familiare, quotidiano, che permette di accostarsi alla sua cultura e alla sua politica con maggiore confidenza e realismo. é quanto fa Piero Ostellino, che parte dalla sua esperienza di tutti i giorni in Cina (i trasporti, i dialoghi con i venditori al minuto e con la gente della strada) per capire e farci capire questo paese protagonista della storia mondiale: la politica del \"dopo Mao\" e il rispuntare in economia di spazi riservati all\'iniziativa privata; i rapporti interpersonali (l\'amore, la famiglia, il divorzio), il sistema penale e la concezione del diritto; la situazione del Tibet e i rapporti dei Cinesi con i comunisti italiani. Un lungo, affascinante reportage fitto di aneddoti e di dati di prima mano, un ritratto in primo piano della Cina di oggi.



BIOGRAFIA

Piero Ostellino, di famiglia torinese, è nato a Venezia nel 1935. Laureato in scienze politiche, si è specializzato sui sistemi politici dei paesi comunisti. é al \"Corriere della Sera\" dal 1970; dal 1973 al 1978 è stato corrispondente da Mosca, e ha raccolto i risultati di questo lavoro nel volume Vivere in Russia (Premio Campione d\'Italia 1978). é stato quindi fino al 1980 corrispondente da Pechino ed è attualmente editorialista e inviato speciale. Nel 1980 ha vinto un Premio Saint-Vincent per i suoi servizi dalla Cina.